Euro | Denunciare insulti razzisti rivolti ai giocatori inglesi

(Londra) Gli insulti razziali si sono diffusi sui social media contro tre calciatori di colore dell’Inghilterra dopo aver perso contro l’Italia nella finale del campionato europeo di domenica a Wembley, mentre la polizia ha aperto un’indagine e l’atto d’accusa unanime del primo ministro Boris Johnson all’allenatore Gareth Southgate che li ha etichettati Sono “imperdonabili”.




Boris Johnson ha dichiarato in una conferenza stampa che questa squadra inglese ha “fatto la storia” e “ha portato felicità a questo Paese”, aggiungendo che gli autori di questi attacchi dovrebbero “vergognarsi”.

Gareth Southgate ha giudicato “imperdonabili” questi insulti: “Parte (di questi attacchi) viene dall’estero, ci è stato detto, ma parte viene da questo Paese”, ha sottolineato l’allenatore dei Tre Leoni, preferendo mantenere “l’energia e lo spirito positivo dei tifosi”. .” “.

La Federcalcio si è detta “sconvolta” e “disgustata” dai commenti razzisti contro Marcus Rashford, Jadon Sancho e Bukayo Saka. La UEFA ha rassicurato i giocatori sul suo sostegno e ha chiesto sanzioni “più dure” per i responsabili di insulti razzisti.

I tre giocatori, entrati in ritardo, hanno sprecato il loro tiro in porta, suggellando la sconfitta dell’Inghilterra contro l’Italia (1-1, tab 3-2) e infrangendo così il sogno di un intero paese che sperava di strappare un secondo grande campionato . Il titolo, 55 anni dopo il successo casalingo ai Mondiali del 1966.

Foto di FACUNDO ARRIZABALAGA, REUTERS

Jadon Sancho

graffiti razzisti

Il principe William, il capo della FA, si è detto “disgustato” e ha trovato “totalmente inaccettabile che i giocatori sopportino questo comportamento oltraggioso”.

La polizia di Londra ha annunciato l’apertura di un’indagine.

READ  Italia: Polonara, Meli e Magnion insieme in preparazione (foto)

Il ministro della Cultura e dello Sport Oliver Dowden ha invitato i gruppi dei social media ad affrontare ulteriormente il razzismo online. Altrimenti, ha avvertito, “La nostra nuova bozza sulla sicurezza informatica li costringerà a imporre multe fino al 10% delle entrate globali”.

Un portavoce di Facebook ha confermato che la piattaforma aveva “rimosso rapidamente commenti e account che offendevano i calciatori inglesi”.

La polizia di Withington, nel nord dell’Inghilterra, ha affermato che un murale in onore di Marcus Rashford era stato coperto di graffiti razzisti, affermando di aver preso il crimine “estremamente sul serio”.

FOTO PETER BYRNE, CONDIVISIONE STAMPA

Un murale dipinto in onore di Marcus Rashford è coperto di graffiti razzisti.

La deputata conservatrice Natalie Elvick si è scusata dopo aver suggerito in una lettera privata, riportata da GB News, che Marcus Rashford avrebbe dovuto trascorrere più tempo “a padroneggiare il suo gioco” piuttosto che a “fare politica”. Il calciatore ha fatto una campagna e ha convinto il governo conservatore a offrire pasti gratuiti ai bambini vulnerabili durante la pandemia.

sbattere Johnson

E gli ex calciatori hanno sostenuto i tre giocatori, come l’ex capitano David Beckham, che su Instagram si è detto “orgoglioso” della squadra che ha “infiammato” il Paese nelle ultime settimane.

L’ex difensore del Manchester United Gary Neville ha detto che l’esempio dovrebbe venire “dall’alto”, criticando Boris Johnson. Mentre i giocatori inglesi hanno deciso di inginocchiarsi a terra per denunciare il razzismo, “il Primo Ministro ha detto che quei giocatori che stavano cercando di promuovere l’uguaglianza potrebbero essere fischiati”, ha detto a Sky News.

“Le persone dovrebbero essere in grado di […] Mostra quanto condannano il razzismo in questo paese nel modo in cui vogliono”.

READ  Italia: Il bel motivo per cui Mancini ha cambiato il portiere

Per anni, i giocatori inglesi sono stati vittime del razzismo online dopo una sconfitta o una prestazione deludente.

A maggio, la Federcalcio ha invitato il governo a legiferare senza indugio per costringere i social network ad agire contro gli insulti online che avevano già preso di mira Marcus Rashford.

Per attirare l’attenzione su questo razzismo online, la FA, i club di Division I e la Women’s Super League, così come le organizzazioni che rappresentano giocatori, arbitri e allenatori, che in seguito si sono uniti ad altri sport come il rugby o il cricket, hanno deciso di non dar loro da mangiare. Sui social da venerdì 30 aprile a lunedì 3 maggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *