Cosa succede a Pierluigi Colina, l’arbitro più famoso e rispettato della storia?

Ci sono mille modi per registrare il tuo nome nei record di calcio. Dieci gol, raccolta di coppe, gol epico e persino un fischio d’oro. Pierluigi Collina fa senza dubbio parte di quest’ultima categoria. Considerato uno dei migliori arbitri, se non il migliore nella storia dello sport King, l’italiano ha lasciato un segno indelebile nel calcio grazie alla sua pura autorità e profonda conoscenza del gioco. Famoso come i ragazzi, questo giudice è stato l’arbitro perfetto. Culina ha raccolto molta pubblicità nel corso della sua carriera ed è gradualmente scomparso dai radar da quando ha impostato il suo fischio. Cosa ne sarà di questo?

Pierluigi Collina, portiere dal fischio d’oro …

Pierluigi Collina è la storia di un uomo nato per diventare giudice. Nonostante le insidie ​​che gli sono capitate, l’italiano non si è mai arreso. Come molti dei suoi amici d’infanzia, Culina ha iniziato a giocare a calcio, giocando in difesa. Ma presto è stato spinto nel mondo del giudizio. Pertanto, sta seguendo questa formazione dall’età di 17 anni ed è una vera pubblicità.

Sette anni dopo, ha governato al massimo livello amatoriale in Italia quando soffrì di alopecia che gli fece perdere completamente i capelli in soli dieci giorni. È qui che è nato il suo soprannome “Kojak”.

Nel Calcio si è acceso il dibattito sulla sua capacità di condurre gli incontri a causa del suo “handicap”. Non basta rallentare l’andamento dell’arbitro con lo sguardo terrificante che scopre con forza le condizioni del campionato italiano. In totale, sarà arbitro per quattordici anni nel campionato italiano. Più tardi, l’italiano dirà questo: La convinzione che un arbitro calvo potesse guidare la partita è stata una grande vittoria.

READ  Gran Premio d'Italia sulla ERT

La carriera di Colina verrà ricordata quando raggiunse il culmine nel 2002, quando suonò il fischio nella finale di Coppa del Mondo tra Brasile e Germania. Ha un’autorità naturale ed è rispettato da tutti gli attori – anche ricevendo le congratulazioni da Ferguson nonostante sia stato eliminato contro il Real Madrid, l’italiano è diventato una leggenda. Per la cronaca, l’ex giudice è anche l’unico ad apparire in una “copertina” di un videogioco (PES 2003). Questo dicendo.

Mentre si ritirò presentando le sue dimissioni nel 2005, Colina rimase nello stesso campo. Ha servito per la prima volta come consulente per gli arbitri italiani nel 2006. Poi dal 2010 all’agosto 2018 è stato presidente della giuria UEFA. Il suo ruolo è quello di nominare gli arbitri per l’Euro, la Champions League, la Lega Europea e gli Europei e assicurarne la disponibilità.

Tuttavia, Collina detiene ancora una posizione di rilievo nel settore. È il presidente del Comitato arbitri FIFA.

L’italiano è laureato in Economia presso l’Università di Bologna ed è anche un rinomato consulente finanziario nel settore dove mette la sua competenza nell’interesse delle aziende. Di tanto in tanto, Perluigi Collina fischierà occasionalmente le riunioni degli arbitri di beneficenza. Per quanto riguarda il video assistente arbitro, non è contrario ma è favorevole all’arbitrato pentagonale o alla creazione di un cartellino bianco temporaneo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *