Ricordi e lacrime per Pietro Taricone, “il guerriero” che più non c’é

0

Il vuoto che ha lasciato, la sua fine così dura da accettare e così terribilmente improvvisa ha colpito tutti, volti noti e non. C’é chi amava Pietro Taricone pur non conoscendolo realmente, grazie alla sua solarità, alla sua tenacia e voglia di fare che ha sempre mostrato durante le sue ospitate tv e, prima, al Grande Fratello, nella sua edizione numero uno, quella “sperimentale”.
A tradire Taricone é stata proprio la sua grande passione, il paracadutismo, che tanto gli ha dato prima di decire, un giorno, di portarselo via con sé. Le nove ore di intervento chirurgico non sono servite a nulla, l’emorragia interna era implacabile.
Cercando di ricostruire quanto accaduto, sembrerebbe che Pietro sia saltato da un Cesna caravan turbo elica, nella scuola di paracadutismo ‘Gordio’ di Terni; dopo ben 100 fortunati lanci però qualcosa non é andato per il meglio e a metà della discesa, le corde del paracadute si sono arrotolate, accompagnando così Taricone verso il tragico epilogo.
“Il guerriero” si é fatto conoscere grazie alla prima edizione del “Grande Fratello”, dove arrivò terzo, ma soprattutto per i suoi ruoli di attore, partecipando a “Distretto di polizia”, “Radio West”, “Ricordati di me”, “Maradona, la mano de Dios” e per ultima la partecipazione al fortunato telefilm “Tutti pazzi per amore”.

“I miei ricordi di Pietro sono tutti legati a quei 100 giorni indimenticabili nella casa che porterò sempre nel cuore. Provo profondo dolore. Fino all’ultimo ho sperato. Quella del GF è stata un’esperienza bellissima, intensa, carica di emozioni. Con Pietro non ci siamo più visti, ma sentiti al telefono spesso. E lui per me ha avuto sempre un grande rispetto, senza mai parlare in interviste o con altri della nostra relazione, proteggendomi in un certo senso dalla morbosità altrui. Rifarei tutto, dal primo bacio al resto”, ha spiegato Cristina Plevani, sua fiamma durante il GF.
Un ricordo sicuramente piacevole é stato poi quello del famoso scrittore Roberto Saviano: “Abbiamo frequentato a Caserta la stesso liceo, il liceo scientifico Diaz. Pietro era rappresentante di istituto, un ragazzo carismatico, solare e un po’ guascone. Nella Caserta di quegli anni la sua ribalta sconvolse tutti, si sentì aggredito da tanto successo, una luce che la nostra terra non è abituata a ricevere. Amava volare, “perché il cielo non tradisce” come ogni paracadutista sa. A tradirlo è stato l’atterraggio, è stata la terra. Soffro per non essere riuscito a ringraziarlo, addio Pietro, addio guerriero”.
Ricordiamo che Pietro nel 2004 ebbe una bambina, Sophie, avuta con l’attrice Kasia Smutniak.

Alessandra Battistini