Squilli di cellulare in platea, Raoul Bova non saluta il pubblico

0

Due avvisi da parte della produzione per invitare il pubblico in platea a spegnere i cellulari, ma niente. Così l’attore Raoul Bova irritato per gli eccessivi squilli dei telefonini, alla fine della kermesse, non è salito sul palco a salutare il pubblico. È successo ieri sera, al Metropolitan di Catania, dove l’attore si è esibito in uno spettacolo comico dal titolo “Due” del regista Luca Miniero con Chiara Francini.

Lo spettacolo tra squilli di cellulare e notifiche

Lo spettacolo è stato costantemente interrotto da squilli, notifiche di WhatsApp e di Facebook, trilli di email: tutto a discapito dei due attori che hanno faticato per tenere alta la concentrazione. Insomma per i due attori un vero incubo. È intervenuta pure la produzione, approfittando di una pausa di scena, chiedendo appunto agli spettatori di spegnere i telefoni cellulari o di silenziarli, ma la sequenza di squilli è continuata come se nulla fosse accaduto. C’è stato un secondo tentativo a pochi minuti dalla conclusione dello spettacolo da parte della produzione che ha ribadito al pubblico di mantenere i telefoni spenti, ma i tentativi sono stati inutili. Qualcuno ha abbandonato il teatro pensando che lo spettacolo fosse finito, altri invece hanno aperto una polemica per i richiami fatti alla platea.

Raoul Bova non saluta il pubblico e va via dal palco

A quel punto, ci ha pensato direttamente l’attore che, a differenza di Chiara Francini, non è tornato sul palco per salutare le persone ancora presenti in teatro al termine dello spettacolo. Insomma una triste pagina di maleducazione da parte del pubblico che non ha di certo agevolato i due attori nella loro esibizione.