Anna Mazzamauro picchiata sul set di “Poveri ma ricchi”

0
Anna Mazzamauro picchiata sul set del film "Poveri ma ricchi"

Anna Mazzamauro picchiata sul set di “Poveri ma ricchi” di Fausto Brizzi, aggressione che è costata alla carismatica attrice danni permanenti ad un occhio. Sono queste le scioccanti dichiarazioni dell’ex signorina Silvani durante un’intervista rilasciata a “Il Messaggero”. È aperta la caccia all’aggressore e non solo: anche la Warner è nell’occhio del ciclone, per non aver minimamente protetto la Mazzamauro quando li ha informati dell’increscioso episodio accaduto.

“Si erge a moralista nei confronti di un autore al quale legalmente non è stato riconosciuto alcun peccato”

Sono le parole piene di rabbia dell’ex segretaria che aveva fatto perdere la testa al ragionier Fantozzi, nei confronti della casa cinematografica che ha allontanato il regista romano dopo le accuse di presunte molestie e si è mostrata completamente indifferente nei confronti di una Anna Mazzamauro picchiata sul set della propria produzione.

Chi sarà stato l’attore che ha aggredito così violentemente la donna da mandarla in ospedale? Seguendo la scia delle dichiarazioni dell’attrice, non è stato Christian De Sica, il cui sostegno si è rivelato per lei molto prezioso in quel momento:

“Ho sempre pianto durante le riprese. Per fortuna Christian mi consolava. Con lui parlavo come stessi in un salotto buono ha aggiunto.Mi raccontava tanti aneddoti, è sempre stato accanto a me in quei giorni. Un grande artista, per cui facevo una macchietta, quella della nonna che dice solo tante parolacce”

La Warner Bros la invitò a tacere sulla violenza subita sul set:

“I rappresentanti della produzione mi hanno pregato di non far uscire la notizia per non danneggiare il film. Ero umiliata e triste.Quando sono stata picchiata e ho mandato una civilissima ed educatissima lettera per mettere la produzione al corrente di quello che era accaduto non ho ricevuto neppure una telefonata”

Ad una Anna Mazzauro picchiata e ancora affranta per questo, le si chiede perché non abbia denunciato l’accaduto, dopo che era stata invitata farlo anche dai medici dell’ospedale dove si era rivolta per le prime cure: Anna si giustifica parlando di vergogna e paura, pur dicendo che non se lo perdonerà mai. L’attore in questione, dopo l’accaduto tornò da lei per parlarle e per dirle che non ce l’aveva con lei, invitandola a crederle:

“E, se non gli avessi creduto, avrebbe mandato amici suoi a convincermi”

Sono tanti i messaggi di solidarietà pervenuti alla Mazzamauro: tanti fans e non che le scrivono sui social e le dicono di denunciare. È importante non lasciarsi spaventare e intimorire: gli episodi di violenza vanno sempre denunciati alle autorità competenti.

Dopo questa esperienza cinematografica e il brutto episodio tutto da dimenticare, Anna si prepara a tornare al suo vecchio amore: il teatro.

“D’altronte io con il cinema non vado proprio d’accordo”

L’attrice non si risparmia, quando le si chiede un parere sulla spinosa questione delle molestie sessuali e si dichiara ancora una volta dalle parte di Fausto Brizzi:

“Io sto dalla parte del signor Brizzi, sì scrivi pure signor Brizzi, della signora Claudia Zanella la moglie e della loro bambina che un giorno sarà la signorina Penelope Nina. Perché un processo non c’è stato e le accuse sono finite in un silenzio assordante”

Non è la prima volta che la Mazzamauro si schiera con Brizzi e questa sua posizione ha suscitato diverse polemiche:

“Molti dicono che io difendo Brizzi perché, ovviamente, data la mia atipicità, non mi ha mai molestata. Mi tocca sentire anche questa”.