Asia Argento contro Enrico Brignano su Twitter: “Vergognati buzzicone!”

0
Asia Argento contro Enrico Brignano per le dichiarazioni sul caso Weinstein

Sono al vetriolo le parole che Asia Argento riserva ad Enrico Brignano, dopo le dichiarazioni rilasciate dal comico, durante un’intervista al “Corriere della Sera” sulle polemiche legate al caso Weinstein.

Le parole dell’attore sono dirette e accusatorie quando parla della figlia del noto regista:

“Asia Argento ha detto che, 20 anni fa, lui le ha fatto quello che ha fatto. Ma poi sappiamo che per cinque anni gli era stata amica e che, attraverso di lui, ha fatto 4 film”

Come è nel suo carattere, la battagliera Asia non si è risparmiata nella tempestiva risposta alle affermazioni di Brignano, pubblicando un post su Twitter che esprime tutta la sua rabbia e la sua indignazione:

“Visto che Enrico Brignano conosce la mia filmografia meglio di me, può nominare i 4 film che avrei fatto con Weinstein dopo avermi stuprata?”. E ancora: “A proposito di fake news. Vergognati, buzzicone. E si vergogni pure il Corriere, questo secondo voi è giornalismo? Basta fare un giro su Google prima di pubblicare castronerie”

Il comico di Dragona nella sua intervista ha fatto riferimento anche ai casi italiani, difendendo a spada tratta Fausto Brizzi, regista del film “Poveri ma ricchissimi” di cui Brignano è protagonista:

“A lui piacciono le donne, come me – ha detto – Le stesse donne che ora si lamentano spesso, dicendo che agli uomini piacciono sempre meno, la famosa crisi dell’uomo”. “Se uno dice: ‘Spogliati nuda’, ti ha fatto una violenza? No, ti ha fatto una proposta – ha aggiunto il comico – Digli di no e vai via. Bisogna stare attenti a catalogare tutto come molestia, se no anche io vengo sempre molestato”

Come se non bastasse, parla anche di se stesso, affrontando un argomento delicato come se si parlasse di effimera comicità:

“Allora anche io ho molestato delle ragazze: in discoteca, avevo 14 anni. Ci provavo e loro non volevano, eddai, dammi un bacetto, eddai. Una l’ho molestata talmente tanto che si è fidanzata con me. E da ragazzino ho anche palpeggiato, facendo la mano morta”