Ilaria D’Amico imprigionata in un aula di tribunale

0

Come tutti ben sapete la burocrazia e la giustizia hanno tempi molto lunghi. Vittima di questa tempistica la bella Ilaria D’Amico.

La regina del calcio in televisione Ilaria D’Amico e il compagno Gigi Buffon, ieri si sono ritrovati imprigionati per quasi 5 ore in un’aula di tribunale. Bloccati all’interno dell’aula per una rognosa causa che vede la D’Amico vittima di una truffa. La regina del calcio ha infatti confermato le accuse contro il suo ex commercialista Davide Censi. Secondo quanto si evince l’uomo l’avrebbe truffata sottraendole oltre 1,2 milioni di euro.

Ilaria D’Amico è stanca di aspettare. Sembrerebbe che questa causa non possa avere fine. Infastidita afferma: “Confermo quanto ho già dichiarato nel luglio 2016. Devo tornare a Milano, ho due figli. Dico solo che la mia querela è del dicembre del 2013 . Ma questo è il paese delle sòle. Lunga vita alle sòle. Rimango a bocca aperta, ma non è che lo scopra oggi”.

Eh no. L’attesa è ancora lunga. Un giorno, si apera presto, sarà fatta giustizia. Nel frattempo la D’Amico ha aspettato il suo turno, seppur infastidita, senza mai incrociare lo sguardo di Censi . L’uomo sembra essere anch’esso sta, stanco di essere accusato ingiustamente. Cerca consensi, cerca qualcuno che possa mostrarsi interessato alla sua verità e cosi afferma:“Non ho fatto nulla, voi dovete sentire tutte le campane”.