Lele Mora: “Il carcere mi ha fatto maturare”

0

lele-moraIntervistato dal settimanale “Vero”, l’ex agente dei vip Lele Mora ha parlato della recente assoluzione (in secondo grado) di Silvio Berlusconi per il processo Ruby. “È stato un miracolo di San Padre Pio. Quando ho saputo dell’esito del processo mi sono commosso: è da tanto che non provavo una tale emozione” racconta al settimanale. Mora è stato coinvolto nei presunti scandali sessuali dell’ex premier, ma nel 2011 era stato condannato ed arrestato per altre cause, la bancarotta della sua azienda. Per questo, Lele Mora ha fatto un bel periodo in carcere, prima di essere scarcerato per motivi di salute ed ospitato dal figlio: Lele adesso è stato affidato ai servizi sociali, lavorando per Don Mazzi, nella sua comunità Exodus. “Il carcere mi ha fatto maturare e capire tante cose, convincendomi a dare un altro senso alla mia vita. Non è retorica la mia quando dico che sono un altro uomo, che il carcere mi ha cambiato. 400 giorni di carcere mi hanno fatto capire tante cose” spiega l’ex agente, che poi parla della sua fede ritrovata. Lele Mora è sempre stato credente, ma le sue disavventura l’hanno avvicinato ancora di più alla religione e alla preghiera. “Oggi i miei idoli sono Padre Pio e Papa Francesco” ha poi aggiunto Mora.

 

LEAVE A REPLY