Morte Robin Williams: Il suicidio non era premeditato

0

robin wiliams morteRobin Williams è morto l’11 Agosto 2014, la settimana scorsa, di propria volontà. Il corpo è stato trovato in una sua casa di Los Angeles, impiccato con una cintura. All’età di 63 anni scompare uno dei grandi attori hollywoodiani che aveva attraversato una intera era di cinema e televisione, contribuendo a costruire il mito della “fabbrica di sogni” con interpretazioni ed intuizioni geniali. Dopo i giorni di lutto, è il momento della cronaca che chiarisce quali siano state le circostanze e quali gli attimi che hanno preceduto il tragico gesto dell’attore, suicida tramite impiccagione.

Come riporta il portale TMZ, Robin Williams non avrebbe premeditato il gesto: qualche ora prima di mettere fine alla propria vita, stava lavorando a progetti futuri. Una fonte vicina all’attore che vuole rimanere anonima, afferma di avere parlato con l’attore il giorno prima della scoperta del corpo, affermando di avere avuto una discussione piuttosto lunga a proposito di diverse proposte per il futuro, e che Robin Williams fosse “assolutamente coinvolto dalla discussione“.

La fonte afferma che Robin Williams chiedeva moltissime informazioni, un comportamento che non ci si attende da chi avesse avuto già deciso di suicidarsi. Inoltre, sempre il confidente anonimo sottolinea di non avere notato nulla di strano dal dialogo: “Lui (Robin Williams) non era allegro come spesso capitava, ma nulla di straordinario.” Secondo quanto riportato dalle fonti ufficiali, la morte è giunta per soffocamento, mentre ai polsi sono stati trovati segni di tagli ed un coltello nella tasca dell’attore recava tracce di sangue essiccato.

LEAVE A REPLY