Sochi 2014, Vladimir Luxuria è stata arrestata

0

Vladimir-LuxuriaLe Olimpiadi di Sochi 2014, che si stanno tenendo in questi giorni in Russia, hanno visto il primo caso politico. Come ben sappiamo, il Paese guidato da Vladimir Putin è decisamente contro i diritti degli omosessuali, infatti recentemente è stata approvata una legge che vieta la propaganda omosessuale. L’ex parlamentare, adesso attrice e conduttrice Vladimir Luxuria, si è recata domenica in Russia, per registrare un servizio per la trasmissione “Le Iene”, con gli inviati Pio ed Amedeo. La transgender portava con sè una bandiera con la scritta in russo “Gay è ok”, una mossa che non è piaciuta alle forze dell’ordine, che hanno deciso di arrestare Vladimir Luxuria. In pochi minuti si è scatenato un tam tam mediatico veramente importante: Vladimir si è messa in contatto con Imma Battaglia, presidente onorario di Dì Gay Project. “Vladimir mi ha mandato un sms pochi minuti fa con scritto: “Aiutami sono imprigionata. Sono sola”. Ho provato a chiamarla, due minuti al telefono e poi la linea è caduta” spiega la Battaglia, che poi svela cosa le ha raccontato Vladimir Luxuria, in particolare sul trattamento quasi violento delle autorità russe. “L’atteggiamento degli agenti è stato brutale e aggressivo. Nessuno parla inglese, Vladimir non è riuscita a capire nemmeno in quale commissariato si trova. Ora si trova da sola in una stanza con luci al neon sulla faccia, presumibilmente in stato di fermo” conclude. Emma Bonino, Ministro degli Esteri, si è adoperata immediatamente per la scarcerazione: poche ore dopo, Vladimir Luxuria è stata liberata.

LEAVE A REPLY