Fabrizio Corona: “Sono fragile perché sono un uomo solo”

0

Dichiarazioni molto particolare quelle rilasciate ieri da Fabrizio Corona, durante una intervista al “Cristina Parodi Live” su La7. Infatti l’ex re dei paparazzi mette per un attimo da parte il suo “guscio” da duro e apre il cuore: Corona ha svelato alcuni aspetti che fino ad ora non era mai venuti fuori. Una personalità particolare: da un lato c’è il duro inflessibile, il bello e dannato, dall’altro c’è un uomo fragile e un po’ solo. “Sono fragile perché sono un uomo solo, da sempre gestisco la mia vita da solo. Ho una squadra che mi segue con adulazione da 20 anni, mi adora, ma i problemi li affronto sempre soltanto con me stesso. Ho tutto, ma sono infelice. Quando si riesce a trovare la propria dimensione, forse anche con meno si riesce a essere più felici” spiega Corona, che poi risponde alle domande sul fido amico Lele Mora. “Lele dovrebbe capire bene cosa vuole fare da grande. Ha pagato (se doveva pagare qualcosa). L’era degli agenti è finita” afferma. Corona vuole poi precisare qualcosa sulla sua figura: lui non si sente un idolo per i giovani. “Vivo d’adrenalina. Potrei anche smettere di lavorare ma devo sempre progettare. Non mi considero un mito. Sono diventato molto popolare perché incarno, in una società nel berlusconismo, il sogno di un ragazzo di mentalità medio-bassa che è quello di avere soldi, belle fighe e macchine potenti e fare la vita da dannato. Io sono quello ma anche altro”. Corona poi conclude l’intervista spiegando che gli piacerebbe uscire da questo mondo per quattro o cinque anni: una sorta di purificazione, per poter poi riprendere a vivere con maggiore serenità e tranquillità.

LEAVE A REPLY