Michael Jackson ordinò davvero di uccidere suo fratello?

2

Il gossip torna ancora una volta a puntare i riflettori su Michael Jackson, una delle figure più controverse della storia della musica mondiale che da quando è morto è sulle pagine di tutti i giornali di gossip. Si cerca infatti in ogni modo possibile di sondare il suo passato perché la sua morte improvvisa ha lasciato un vuoto non solo nei nostri cuori ma anche nella nostra curiosità. Chi era veramente Michael Jackson? Il colore bianco della sua pelle era davvero dovuto alla sua malattia? E le accuse di pedofilia erano davvero infondate?

Oggi si torna a parlare di lui dopo che la sua ex guardia del corpo Matt Fiddes ha fatto una rivelazione scioccante. Matt ha infatti affermato: “Michael è stato per anni in guerra con i suoi fratelli. Loro volevano a tutti i costi che firmasse un accordo da 500 milioni di dollari per un tour con i “Jackson Five” di nuovo riuniti. La situazione è degenerata quando Randy ha cercato di entrare con la forza in casa di Michael per parlargli. A quel punto lui ordinò di sparargli. Non credo che Michael avesse mai avuto intenzione di ucciderlo e disse alle guardie di sparargli alle gambe. Randy, spaventato a morte, a quel punto minacciò di chiamare la stampa”.

Matt Fiddes è un personaggio alquanto oscuro e fidarsi di lui è davvero difficile. La domanda quindi è, Matt sta dicendo la verità oppure sta mentendo? Michael di sicuro purtroppo non ha più la possibilità di scagionarsi, chissà quante altre cose verranno fuori sul suo conto!

2 COMMENTS

  1. Ma per favore. Sarà la centesima cavolata che dice questo fallito di Matt Fiddes.
    Invece di sparare gigantesche balle, li consiglierei caldamente di andare a zappare..o a lavorare in miniera.

LEAVE A REPLY